scansione-diapositive-negativi-fotografie-rullino Scansione Diapositive - Negativi - Fotografie
Il servizio per appassionati che fa rivivere i ricordi più belli della tua vita

 

Dpi di scansione vs. Dpi di stampa
  
Risoluzione di scansione necessaria per stampare
sui diversi formati carta

 

Le diapositive (o negatiti o fotografie) scansite a 1200 dpi sono persino sovrabbondanti per la visione sul monitor di un PC (72 dpi, risoluzione in pixel fino 1280x1024), e hanno una resa ottima anche in TV (nei quali un modello “Full-HD” di nuova generazione può avere una risoluzione di 1920x1080).

  

I 1200 dpi, inoltre, possono andare bene anche per molte stampe, a seconda del formato carta e della risoluzione di stampa.

 

Ma esiste un criterio per stabilire “la risoluzione giusta”?

 

Sì, c’è. Anzi, ce ne sono due: uno empirico (e un po’ rozzo), e uno scientifico.

 

 

Criterio empirico

La risoluzione espressa in dpi è un indicatore che si usa nello spazio “fisico”: parliamo di 1200 dpi (dots per inch, punti per pollice, 1 inch = 2.54 cm), e quindi stiamo dicendo che in ogni trattino di 2.54 cm ci stanno 1200 punti.

 

La risoluzione espressa come numero di pixel indica invece da quanti punti (in larghezza e in altezza) è costituita un’immagine digitale. Siamo quindi in uno spazio “virtuale”.

 

Il criterio empirico, basato sul buon senso, dice che:


- quanto più grande è lo spazio fisico da stampare (il formato carta)

e

-  quanto più grande la risoluzione di stampa (quanti punti di toner ogni 2.54 cm)

allora

- tanto più grande dovrebbe essere lo spazio virtuale.

 

In parole povere, più grande è il formato carta e/o la risoluzione di stampa, più grande deve essere la dimensione dell’immagine (in Megapixel, larghezza x altezza).

 

   

  

Criterio scientifico
 

Esiste una formula che permette di calcolare il numero minimo di pixel da cui deve essere costituita l’immagine da stampare.

 
Tale misura è espressa in Megapixel.

 

Una volta che conosciamo il numero di Megapixel necessari, possiamo ricavare a ritroso la risoluzione di scansione usando la tabella di correlazione tra la risoluzione e il numero di pixel di una diapositiva digitalizzata.

 

La formula è la seguente:

 

Pixel di una diapositiva scansita = Formato carta x Risoluzione di stampa /2.54

 

dove:

- il numero di pixel della diapositiva scansita sarà espresso in Megapixel

e

- 2.54 è il fattore di conversione da inch a centimetri (1 inch = 2.54 cm)



Per alcuni dei più comuni formati carta otteniamo ad esempio le seguenti tabelle:

 

dpi scansione vs. dpi stampa

    

 

Però... 

 

Quanto detto sopra ha a che fare con l’ingrandimento dell’immagine da stampare. Ma l’ingrandimento non è tutto: infatti, anche il tipo di soggetto ripreso nell’immagine può incidere sulla qualità percepita dall’occhio umano. 

 

Ingrandimenti fatti su immagini “a dettaglio racchiuso” (es. la guglia di un campanile) mostrano segni di degrado molto minori (talvolta quasi impercettibili) rispetto allo stesso ingrandimento su immagini “a dettaglio infinito”.